Come molti di voi hanno notato dopo l’aggiornamento a Firefox 5 la google toolbar non risulta compatibile con tale versione quindi viene disabilitata.
Ci sono diverse soluzioni per risolvere questo inconveniente come installare un componente per disabilitare il controllo delle versioni delle estensioni oppure impostarlo a mano.
Però la soluzione che preferiamo è meno pericolosa in quanto andiamo a modificare solamente il controllo di versione della google toolbar e non di tutte le estensioni.

Per poterlo realizzare dovete individuare il file install.rdf presente nella cartella dell’utente, utilizzate la funzione cerca di windows per trovarlo. Probabilmente vi verranno restituiti più file tanti quanto le estensioni installate.
Dovete aprire il file, con un editor di testo, che contiene questa scritta: “Google Toolbar for Firefox”, una volta individuato basta cambiare la riga:
<em:maxVersion>4.*</em:maxVersion> con la nuova riga:
<em:maxVersion>6.*</em:maxVersion>

Ed ecco che una volta riavviato Firefox la vostra google toolbar sarà di nuovo presente.

L’errore più comune nel computer non può che essere quello di un programma bloccato cioè che non risponde ai comandi oppure non si apre.
Generalmente per risolvere un simile problema basta riavviare il computer e il programma continua a funzionare però per una soluzione veloce potete semplicemente chiudere il processo corrispondente a tale programma ed avete risolto.
Per poter chiudere il processo bloccato dovete andare nel task manager (basta premere contemporaneamente Ctrl-Shift-Esc) e nella scheda dei processi selezionare e chiudere tramite il relativo pulsante in basso a destra, il processo bloccato.

L’operazione di per se non è complessa, fate attenzione però a spuntare sempre il flag “Mostra i processi di tutti gli utenti” in basso a sinistra e al nome del processo che corrisponde al vostro programma bloccato, infatti molti programmi hanno processi con nomi diversi come ad esempio:

  • Word -> winword.exe
  • Outlook express -> msimn.exe
  • Adobe reader -> AcroRd32.exe
  • Interner Explorer -> iexplore.exe  (fate attenzione a non chiudere explorer.exe)
  • Open Office, Write, Calc, ecc -> soffice.bin e soffice.exe


Potete trovare diversi processi con lo stesso nome, questo significa che avete provato più volte ad aprire il programma quindi chiudeteli pure, per un migliore individuazione potete ordinarli cliccando sull’intestazione di colonna “nome immagine”.

Segnalazione: La somma nella barra di stato (in basso a destra) di Open Office Calc risulta errata.

Questa segnalazione non è propriamente un errore ma solamente un comportamento diverso di Open Office Calc da Microsoft Office Excel.

In Calc quando si selezionano le celle per vedere la somma sulla barra di stato (in basso a destra) l’applicativo tiene conto se sono selezionati altri fogli di lavoro e quindi somma anche le loro celle corrispondenti. Questo in Excel non succede e può far pensare ad un errore su Open Office Calc.

Per chi non lo sapesse sia in Open Office Calc che in Microsoft Office Excel si possono selezionare più fogli contemporaneamente tenendo premuto il pulsante Ctrl e cliccando sui fogli desiderati, in questo modo scrivendo su un unico foglio la modifica viene eseguita su tutti i fogli selezionati.

Per togliere la selezione basta tenere nuovamente premuto il pulsante Ctrl e cliccare su un unico foglio.

In questo articolo parliamo di un applicativo molto utile agli amministratori di rete.

Advanced IP Scanner” infatti esegue una scansione di tutta la rete, il range è comunque selezionabile dall’utente, e fornisce per ogni IP trovato il nome macchina, il NetBIOS e NetBIOS group, il MAC address e l’utente del computer.
Il risultato può essere esportato anche in formato XML e selezionando il computer si può inviare anche il comando di arresto della macchina.

Come tutti i programmi che vi proponiamo anche questo è ad uso gratuito e lo potete scaricare dal seguente indirizzo http://www.radmin.it/download/utilities.php

Tra i diversi errori che ci possono essere nell’applicativo Entratel c’è quello riguardante la stampa. Infatti alcune volte cliccando sul relativo pulsante di stampa (siano esse dettagli, elenchi, ricevute o invii) l’applicativo non esegue alcuna stampa e non segnala alcun errore.

Per questo problema l’assistenza consiglia di reinstallare l’applicativo Entratel però nella maggior parte dei casi basta modificare il carattere di default della stampante dal seguente percorso di menu: Operazioni – Opzioni – Stampa e quindi selezionare un altro carattere.